Sannio Terra di Falanghina, la Camera di Commercio corre ai ripari ma è un bluff

E’ spuntata la determina (non la delibera) su Sannio Terra di Falanghina, ma è un flop. Stamattina il presidente della Camera di commercio, Antonio Campese si è svegliato e ‘bella ciao bella ciao bella ciao’ mi ha inviato foto attestante l’avvenuta pubblicazione. Ma, ops, Campese non ci dice se il provvedimento è stato pubblicato ieri, 6 novembre, prima o dopo il nostro articolo.

Stamattina, alle 8, il presidente Campese si premurava di inviarci prova della avvenuta pubblicazione delle determina relativa a Sannio Terra di Falanghina, ma omette a di dirci se avveniva prima o dopo la conferenza stampa e il nostro articolo.

L’ANTEFATTO

Ieri pomeriggio, ore 15: nel palazzotto di corso Garibaldi, si tiene la conferenza stampa di presentazione del protocollo d’intesa tra Camera di Commercio e i comuni di Bonea e Sant’Agata de’ Goti, con il vicepresidente Aurelio Grasso, i due sindaci, il food blogger Antonio Medici e il neo segretario generale dell’ente, Roberto Pierantoni.

Ad una nostra domanda sul costo dell’evento, mentre il vicepresidente Grasso andava in confusione, mentre Pietrantoni scantonava, ci aggrediva subito verbalmente, intimandoci di verificare sul sito delibera o bilancio. Quando gli abbiamo  opposto la mancata pubblicazione degli atti, ha cominciato ad agitarsi, urlando che stavamo sostenendo “falsità, perchè tutte le delibere sono pubblicate sul sito dell’ente camerale”.

Solo alla fine ha farfugliato la cifra del finanziamento: 25 mila euro per due giorni di iniziative da svolgersi nei due comuni, il 6 e il 7 dicembre prossimi.

TRASPARENZA, QUESTA SCONOSCIUTA

Dalle verifiche effettuate ieri prima del nostro articolo, non risultavano pubblicati provvedimenti recenti nelle sezioni dell’Albo camerale e Trasparenza. Lo stesso presidente dell’ente camerale, Antonio Campese, che pure un minuto prima ci aveva rimandato a Valisannio, teneva a sottolineare che “Valisannio (la partecipata della Camera di Commercio che si occupa della promozione territoriale, ndr), però, pubblica solo dopo conferimento incarichi e consulenze”.

IL ‘BELLA CIAO’ MATTUTINO DI CAMPESE

Questa mattina, Campese, di buon’ora, ci inviava un’immagine della sotto-sezione dell’Albo camerale “Determine del presidente” da cui si evince che il provvedimento relativo al progetto Sannio Terra di Falanghina è on line dal 6 al 13 novembre 2019, ma il presidente omette di dirci se la pubblicazione è avvenuta il 6 novembre (quindi ieri giorno della crisi di nervi in conferenza stampa ) prima o dopo il nostro intervento e il nostro articolo (ops).

Nella sezione Trasparenza non c’è invece traccia della determina, la pubblicazione degli atti è ferma al 2018. Eppure secondo l’Anac proprio in questa sezione la pubblicazione dei provvedimenti degli enti deve avvenire in modo permanente.

Insomma, la Camera di Commercio non è proprio una casa di vetro.

COSA DICE LA DETERMINA ESIBITA COME PROVA REGINA DA CAMPESE

Sorvolando sui tempi della pubblicazione (che il presidente rivendica stamattina senza dirci se è avvenuta il 6 novembre prima o dopo il nostro articolo), è interessante soffermarci sul contenuto della determina n. 36  del 5 novembre 2019.

Nella prima parte, si fa riferimento all’istanza di contributo emessa da Confindustria Benevento e dall’Accademia di Santa Sofia per iniziative tese alla promozione del territorio (sic!).

Le due richieste sono dettagliate, supportate da griglie informative. Per il convegno Insieme “Export per la crescita”, da realizzarsi il 20 novembre al complesso San Vittorino, a fronte di un costo previsto da Confindustria di 30 mila euro, la Camera di Commercio dovrebbe stanziarne 15.250.00 euro. Per l’iniziativa “Accademia di Santa Sofia tra arte, turismo e cultura” invece a fronte di un costo di realizzazione di 51.600.00 euro, la Camera erogherebbe un contributo di 3000 euro. Ma su questa parte più corposa del provvedimento e sui contributi spot della Camera di Commercio torneremo prossimamente, ora torniamo a Sannio Terra di Falanghina.

E’ al punto cinque del provvedimento che si accenna al progetto: “considerato altresì – si legge – che nel bilancio di previsione dell’Azienda speciale Valisannio anno 2019…è previsto l’intervento Promozione Falanghina del Sannio, con oneri stimati in 46 mila euro a valere sul contributo ordinario erogato dalla Camera di Commercio, con nota camerale n.10303 del 9/10/2019, i sindaci dei comuni di Bonea e di Sant’Agata de’ Goti sono stati invitati a partecipare ad una riunione operativa organizzata congiuntamente all’ente camerale a un’iniziativa di valorizzazione della Falanghina del Sannio”.

L’esito dell’incontro del 22 ottobre è uno soltanto: organizzare iniziative nei due comuni nei giorni 6 e 7 dicembre, attraverso l’Azienda Speciale Valisannio, e di stipulare “un protocollo d’intesa per definire le modalità e i ruoli dei soggetti coinvolti nell’organizzazione dell’evento”.

Ed è proprio il protocollo che veniva presentato ieri in conferenza stampa.

Nella determina non c’è alcun riferimento al costo del progetto e, a maggior ragione, alla cifra ululata dal segretario generale dopo la nostra domanda.

Pietrantoni, licenziato dalla Camera di Commercio di Pescara e approdato a Benevento da qualche settimana, ci ha non solo aggrediti per aver fatto il nostro mestiere di giornalisti, ma ci ha anche accusati di “dire il falso” quando abbiamo obiettato la mancata pubblicazione di una delibera che ci consentisse di assumere informazioni su un’iniziativa di cui si dava notizia alla stampa, in pompa magna, con tanto di fotografo al seguito e selfone finale dei protagonisti.

 

 

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.