Schipani (Io X Benevento): “Dai vertici dell’Azienda ospedaliera Rummo nessuna risposta. Chiediamo un nuovo confronto”

Il 31 agosto 2016, il presidente dell’Associazione IO X Benevento, Giuseppe Schipani, incontrò il neo Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera “G. Rummo” di Benevento per affrontare alcune questioni che causavano e causano disagi all’utenza.

L’occasione fu utile per rappresentare l’interesse dei cittadini al fine di prendere conoscenza in merito a:

1)     Destinazione risorse economiche destinate ai lavori relativi all’U.O.C. di Neurochirurgia dell’Azienda Ospedaliera “G. Rummo di Benevento, in particolar modo, con riferimento alle seguenti documenti:

–        Deliberazione N°. 501 del 29/06/2011;

–        Deliberazione N°. 771 del 06/12/2011;

–        Deliberazione N°. 303 del 16/04/2012;

–        Deliberazione N°. 537 del 04/07/2012;

–        Deliberazione N°. 790 del 22/10/2012.

2)     Quando è previsto l’avvio e il termine dei lavori relativamente alle sale operatorie di Chirurgia Vascolare:

–        Deliberazione N°. 579 del del 08/05/2015;

3)     Atto Aziendale dell’Azienda Ospedaliera “G. Rummo di Benevento ed eventuali modifiche;

4)     Attuazione Atto Aziendale;

“Ci era sembrato – dichiara Schipani-, almeno da ciò che il Direttore Generale aveva espresso, di voler avviare una collaborazione con la nostra associazione che fin dal primo istante del Suo insediamento ha manifestato la propria volontà a cooperare.

Ad oggi, dopo circa quattro mesi dal precedente incontro, non rileviamo alcun chiarimento in merito alle nostre istanze e, cosa ancora più preoccupante, non è stata concessa ai cittadini la facoltà di conoscere quanto da Loro richiesto.

Pertanto, non riusciamo proprio a rilevare questo “cambio di rotta” invocato dal Presidente della Giunta Regionale della Campania, Enzo De Luca.

Oltretutto, registriamo una scarsa considerazione relativamente alla “trasparenza e alla partecipazione delle Organizzazioni Sociali” nella vita e nell’esercizio istituzionale di un Ospedale che dovrebbe porsi come punto di riferimento per l’assistenza sanitaria e che, dunque, non può trovare incidenza con logiche di strategia e di gestione che scaturiscono solo da alcune stanze ma che necessitano di essere condivise quanto più possibile ed essere supportate e coadiuvate.

 Chiediamo, quindi, un nuovo incontro, con lo scopo di trasmettere ai cittadini quanto da loro richiesto e, magari, individuare insieme ai vertici dell’Azienda Ospedaliera, delle misure di intervento relativamente alle questioni annose che attanagliano il nosocomio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.