Nicola Sguera

Sguera (M5S) all’attacco di Gesesa: “Ora un’occhiata ai conti”

Nicola Sguera, consigliere comunale del M5S a Palazzo Mosti, torna all’attacco della Gesesa: “Da alcuni mesi – scrive in una nota – la GESESA, l’azienda partecipata che si occupa della gestione dell’acqua, sta mettendo sotto stress un numero considerevole di cittadini, prima con l’emissione di bollette “pazze”, ora con la richiesta di pagamento di bollette già pagate.
Al di là del disagio, già di per sé grave, e rispetto al quale è necessario che vengano individuate responsabilità e assunte decisioni consequenziali, il fenomeno va inquadrato in un contesto ben più ampio.
A parte le eventuali perdite derivanti dalle spese di notifica, – fa notare – a parte il profondo disagio, specie negli utenti più anziani, c’è sicuramente stato un vero e proprio danno economico per quegli utenti che non avessero ben custodito le ricevute di pagamento.
Ma, a ben vedere, la vicenda potrebbe nascondere risvolti molto più seri, che ineriscono, in particolare, alla contabilità della GESESA e, di conseguenza, al suo bilancio.
C’è da chiedersi e chiedere, infatti, come siano registrate in contabilità le operazioni relative all’emissione e all’incasso delle fatture.
La GESESA, come sappiamo tutti, è una società per azioni ed è quindi soggetta a specifiche norme contabili e fiscali. In particolare, deve adottare la cosiddetta contabilità ordinaria, che viene tenuta con il metodo della partita doppia. Ciò significa che per ogni operazione vengono interessati almeno due voci del piano dei conti”.

E i conti.Sguera li fa sul serio.

“Tanto premesso – spiega – , la situazione contabile che si genera nel momento in cui la GESESA emette le fatture a carico degli utenti, cioè noi cittadini, è la seguente (per semplicità e chiarezza si utilizzano importi lordi, senza scendere nei dettagli):

CONTO DARE AVERE
FORNITURA SERVIZI
(conto economico – ricavi) 100
CLIENTI (Utente X)
(Attivo patrimoniale – crediti) 100

Quando l’utente/cittadino esegue il pagamento, la Gesesa, al ricevimento dell’accredito in conto corrente postale, esegue la seguente scrittura:

CONTO DARE AVERE
CONTO CORRENTE POSTALE (
Attivo patrimoniale) 100
CLIENTI (Utente X)
(Attivo patrimoniale – crediti) 100

Come è facile comprendere la partita del cliente Utente X è stata azzerata in virtù del pagamento perché non vi sarebbe alcuna differenza tra dare e avere.
I conti della GESESA quadrerebbero perché il credito vantato verso i clienti è azzerato e in cassa vi è la stessa cifra. In contropartita, al passivo patrimoniale il capitale della società sarebbe pari all’utile di esercizio, dato dai ricavi, che in questo caso corrispondono all’incasso della bolletta (il tutto sempre per semplicità).
Se però l’Utente X riceve il sollecito per il mancato pagamento, sorge spontanea la seguente domanda: è stato contabilizzato il pagamento originario a ricezione del bollettino di c/c postale?
A questo punto si pongono due ipotesi:
1) L’accredito della somma non è pervenuto (per un qualsiasi motivo) sul conto della GESESA;
2) L’accredito della somma è pervenuto regolarmente sul conto della GESESA.
Se è vera la prima ipotesi, la GESESA non ha alcuna colpa. E, una volta ricevuta la documentazione di pagamento dall’utente, svolgerà la dovuta pratica presso le Poste e incamererà la cifra, ancorché in ritardo.
Se fosse vero il secondo caso, invece, cioè regolare accredito in conto dell’importo, la vicenda si complica e non di poco.

Come si è visto in precedenza, infatti, ad avvenuto incasso, si dovrebbe procedere con l’esecuzione della registrazione contabile innanzi indicata.
Anche in questo caso si pongono due alternative:
1) La registrazione, per un qualsiasi motivo, viene eseguita in modo errato, perché:
a) L’accredito viene imputato ad un utente diverso dall’effettivo;
b) L’accredito viene imputato ad un altro conto, diverso da quello relativo ai CLIENTI.
2) La registrazione non viene eseguita.
In ogni caso, si configurerebbe una negligenza contabile, nel senso che nella GESESA non vi è un efficiente sistema di controllo.
Ma se la registrazione non viene eseguita, i conti della GESESA non quadrano più. Il conto CLIENTI rimarrebbe fermo; mentre, quello del conto corrente postale salirebbe, generando così uno sbilancio pari alla bolletta interessata.
Non sarebbe il caso che il Collegio Sindacale della GESESA dia un’occhiata ai conti?”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.