Truffa Inps, il procuratore Policastro: “Sorprendono i legami istituzionali del gruppo criminale”

Un sistema congegnato per truffare l’Inps per milioni di euro guidato da una mente che gli stessi inquirenti, questa mattina, non hanno esitato definito ‘criminale’, un gruppo di professionisti che utilizzando persone in condizioni di bisogno si arricchivano illecitamente attraverso una rete di 17 società,

“E’ stata un’indagine molto complessa – ha dichiarato in apertura della conferenza stampa il procuratore Aldo Policastro – a tratti rallentata dalla capacità di questo gruppo di avere legami istituzionali tali da consentirgli di conoscere dettagli delle indagini”.

Per il Procuratore sono due i dati particolarmente allarmanti emersi da questa inchiesta.

Il primo: il disegno criminoso ai danni dello Stato e, quindi della comunità.

Il secondo: i legami istituzionali del gruppo organizzato di professionisti.

Un’attività illecitaha spiegatodurata molto tempo, secondo la nostra ipotesi accusatoria, con arricchimenti illeciti per milioni di euro che hanno provocato un danno enorme alla collettività, trattandosi di danaro pubblico destinato a persone bisognose, in questo caso disoccupati. Non erano i beneficiari a ricevere l’indennità di disoccupazione erogata dall’Inps, ma gli stessi soggetti attraverso una rete di società intestate a prestanomi. Dietro questo sistema c’era una mente professionalmente attrezzata per gestirlo“.

L’altro dato allarmanteha sottolineato il Procuratore –  è la capacità di questo gruppo, non solo di portare a termine queste operazioni illecite, ma anche la capacità di intralciare le attività investigative sia distruggendo documenti, cosa accaduta anche mentre veniva eseguita la misura cautelare, ma anche predisponendo un memorandum per i soggetti coinvolti in cui si suggeriva cosa dire e cosa non dire, sia intrecciando legami istituzionali, che gli consentiva  di conoscere i dettagli dell’indagini e delle attività di intercettazione, un vulnus grave parzialmente neutralizzato nel corso delle indagini”.

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.