Un fossile svela i segreti di uno dei rettili più misteriosi della natura

I tuatara della Nuova Zelanda sembrano iguane cupe. Ma questi rettili spinosi non sono in realtà lucertole. Invece, sono gli ultimi resti di un misterioso e antico ordine di rettili noto come Rhynchocephalian che per lo più scomparve dopo il loro periodo di massimo splendore nel periodo giurassico.

E sono davvero le palle peculiari della famiglia dei rettili. I tuatara possono vivere per più di un secolo, abitare in climi freddi e ne sono capaci Muovi le loro mascelle avanti e indietro Per tagliare insetti, uccelli marini e l’un l’altro. Hanno anche un primitivo terzo occhio Sotto le squame in cima alle loro teste che possono aiutarli a tenere traccia del sole.

Questi strani tratti rendono il tuatara un mistero evolutivo e la sporadica documentazione fossile dei suoi parenti perduti da tempo ha sconcertato i paleontologi. Probabilmente per superare lucertole e serpenti, quasi tutti i Rincocefali si estinsero alla fine dell’era mesozoica. Molti hanno lasciato poco più che frammenti di un dente e di una mascella.

Si scopre che un pezzo importante di questo puzzle è stato nel cassetto del museo per decenni. Passando al setaccio una collezione di fossili accumulati presso il Museum of Comparative Zoology dell’Università di Harvard, Stephanie Pierce, curatrice di paleontologia dei vertebrati, e il suo team hanno recentemente scoperto lo scheletro quasi completo di un animale simile a una lucertola su una lastra di pietra abbastanza piccola da stare in un palma. dalle loro mani.

Il notevole fossile è stato scoperto nel 1982 durante una spedizione alla Formazione Kayenta, un affioramento ricco di fossili nell’Arizona settentrionale. Questa fascia di roccia rossa si è depositata durante il primo periodo giurassico, quando l’era dei dinosauri era agli albori. Intorno a questa primitiva pianura alluvionale, i primi dinosauri come il Dilophosaurus crestato si mescolavano a potenti creature simili a coccodrilli avvolte in un’armatura. Sotto i piedi, primitivi mammiferi simili a toporagni e questo strano nuovo rettile partirono.

READ  Potenti telescopi vedono raffiche di vento caldo e freddo che soffiano da una stella di neutroni che fa a pezzi la sua compagna

Mentre i primi fossili di mammiferi nel sito hanno ricevuto molto interesse iniziale, il dottor Pierce e Thiago Simويسes, un paleontologo postdottorato di Harvard specializzato nella prima evoluzione delle lucertole, hanno finalmente studiato questo esemplare in profondità.

In un articolo pubblicato Giovedì in Biologia della ComunicazioneGli scienziati hanno chiamato il nuovo animale Navajosphenodon sani. Sia il nome del genere che quello della specie (che significa “vecchiaia” nella lingua Navajo) si riferiscono alla tribù Navajo, che viveva nell’area dove è stato trovato il fossile.

Gli scienziati hanno utilizzato scansioni di tomografia computerizzata per esaminare il fossile schiacciato in tre dimensioni e assemblare digitalmente il cranio appiattito come un puzzle.

Sebbene il suo corpo fosse simile a una lucertola, la struttura del suo cranio somigliava a un tuatara. Possedeva file simili di denti affilati e intrecciati che si estendevano direttamente dalla mascella. Il teschio ha anche due aperture dietro l’occhio dell’animale. Questa formazione è una delle caratteristiche principali che distingue la tuatara dalle lucertole, che hanno un solo foro. Il foro aggiuntivo aiuta a stabilizzare il cranio mentre il tuatara morde e si diffonde attraverso la preda.

ha detto il dottor. Dopo un gran numero di test statistici, il team ha identificato il periodo Navajosphenodon vicino alla base della dinastia Tuatara.

Il fossile mostra che i moderni corpi tuatara sono apparsi nel periodo giurassico e sono cambiati poco in 190 milioni di anni. Ciò supporta la distinzione comune che questi rettili rimanenti sono “fossili viventi”. Ma il dottor Simes ha sottolineato le differenze: ad esempio, le mascelle del tuatara moderno terminano con una serie di denti fusi a forma di becco che non si trovano nel navagosphenodon.

READ  Thwop, muah, boop: il chiacchiericcio dei pesci e i suoni delle balene saranno raccolti nella World Library | animali selvaggi

Secondo Kelsey Jenkins, una studentessa di dottorato a Yale specializzata nell’evoluzione dei primi rettili, molti lignaggi di Rhynchocephalian hanno mostrato pochi cambiamenti nel corso della loro storia. Tuttavia, 200 milioni di anni sono un estremo. “Le uniche cose che sono state significativamente preservate sono cose come granchi a ferro di cavallo e grilli, non rettili della giusta taglia”, ha detto la signora Jenkins, che non è stata coinvolta nel nuovo studio.

I ricercatori sostengono che questa mancanza di cambiamento può rappresentare la selezione naturale nel caso di una maggiore velocità. “Lenti velocità di evoluzione non significano necessariamente nessuna evoluzione”, ha detto il dottor Simes. È fondamentalmente l’equivalente evolutivo del vecchio detto: “Se non è rotto, non aggiustarlo”.

Mentre la scoperta di Navajosphenodon aiuta a incarnare un capitolo cruciale nell’evoluzione di tuatara, gran parte della storia passata di questo rettile rimane confusa. Senza altre scoperte fossili, sarà difficile per gli scienziati determinare perché questi sopravvissuti soli possedessero codici cheat evolutivi.

“Il motivo per cui i tuatara moderni e i loro lignaggi si sono evoluti così lentamente per un periodo di tempo così lungo è una domanda leggermente più ampia e più difficile”, ha detto il dottor Pearce. “Servono più scavi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *