Denuncia di Angsa: “Struttura sportiva di Pantano ha cacciato i nostri figli”

“Non avremmo voluto scrivere.

Ma poi abbiamo capito che non si può subire”, inizia così il post su Facebook di Angsa Campania, l’Associazione Nazionale Genitori Persone con Autismo.

Il fatto oggetto della denuncia Social di un gruppo di mamme si è verificato oggi presso una struttura sportiva di Pantano, contrada di Benevento. https://www.facebook.com/1736340876636717/posts/2956486754622117/

Ecco il racconto delle mamme:

“Un gruppo di nostri ragazzi sono seguiti per attività motorie da Mario De Ianni. Sono ragazzi seguitissimi, che fanno terapia comportamentale da anni, seguiti dalla dott.ssa Ulturale della ASL di Benevento. Sono ragazzi educatissimi .

Si era deciso di frequentare ora con il caldo due volte a settimana un’ora spazio verde a ridosso della pista ciclabile. Ha un nome altisonante….. .

Già la prima volta l’igiene, il prato, le sedie vecchie , non mi convincevano. Tutto trasudava trasandatezza , poca cura…. Forse disagio economico? Difficoltá?

Poi tra ieri e oggi il patacrac. Un certo Gerardo – raccontano su Facebook – si è lamentato dei nostri figli.

Non vado oltre.

Persona misera, persona che pensa che il suo posto diventa esclusivo per la non presenza di disabili…. povero. Il tipo “vorrei ma non posso” .

Benevento non é questo.

P.s. facciamo una colletta e gli compriamo delle sedie dai cinesi nuove?”.

Una denuncia forte, a viso aperto, che ha colpito la sensibilità di molti e che  ancora una volta colpisce soggetti fragili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    OK No thanks