Nuove foto mostrano John Glenn in orbita attorno alla Terra nel 60° anniversario della sua fondazione

Domenica ricorre il 60° anniversario della NASA L’astronauta John Glenn Divenne il primo americano ad orbitare attorno alla Terra.

Il 20 febbraio 1962, un membro della Mercury Ships partì per la missione a tre orbite dell’agenzia Mercury-Atlas 6 a bordo della navicella spaziale soprannominata Friendship 7.

Nuove foto rilasciate su Fox News mostrano il lavoro – e Glenn – in grande dettaglio.

Immagini che ho creato L’autore di “Apollo Remastered” Andy Saundersutilizzando i filmati originali forniti da Stephen Slater, che dirige la divisione ricerca e produzione dell’archivio “Apollo 11”.

Saunders, che ha a Foto precedentemente condivise Dall’allunaggio dell’Apollo 15, pubblica regolarmente nuove foto Twitter E il Instagram.

Per produrre ogni nuova foto, Saunders ha detto a Fox News di aver impilato centinaia di fotogrammi di pellicola uno sopra l’altro in diverse aree del film – “mediando” il rumore dell’immagine – e “cucindo” i fotogrammi insieme, con ogni foto contenente più di 1.000 immagini di esempio. L’output è stato quindi costruito utilizzando tecniche di elaborazione digitale.

Glenn può essere visto in attesa del lancio per più di due ore prima del volo spaziale e in orbita, osservando il booster e la curvatura della Terra.

Secondo la NASAIl tentativo di lancio iniziale del 27 gennaio è stato posticipato a causa di dense nubi che avrebbero impedito il monitoraggio dell’ascesa del razzo.

Problemi meccanici e meteorologici hanno aggiunto ulteriori ritardi.

Apollo rimasterizzato.
L’autore di “Apollo Remastered” Andy Saunders ha creato immagini della missione Mercury-Atlas 6 utilizzando filmati forniti da Stephen Slater.
NASA/Andy Saunders; Fonte digitale: Stephen Slater

Glenn salì a bordo della capsula al Launch Complex 14 di quella che oggi è la Space Force Station Canaveral in Florida.

Dopo ulteriori ritardi, dopo quasi quattro ore nella capsula, il conto alla rovescia ha raggiunto lo zero alle 9:47 EDT e i tre motori principali del razzo Atlas si sono accesi.

READ  Il DNA rivela il più grande albero genealogico mai visto dall'uomo, risalente a 100.000 anni fa

Quattro secondi dopo, il razzo si arrampicò sopra la rampa di lancio e due minuti e nove secondi dopo i due motori booster si spensero e furono scartati.

Dopo aver continuato a funzionare con la potenza del suo motore di propulsione montato al centro, entro cinque minuti e un secondo di volo, il motore in marcia si è spento e il Friendship 7 si è interrotto dopo due secondi.

Glenn era in orbita e ha girato Friendship 7, facendo volare il suo scudo termico nella direzione del volo.

Glenn ha scattato foto e ha continuato a riferire sulle condizioni sue e della navicella spaziale, controllando con successo l’altezza della capsula e prendendo un tubo di succo di mela e pillole di xilitolo prima di ottenere l’approvazione per la sua seconda orbita.

uomo sulla Luna.
Andy Saunders ha precedentemente condiviso immagini reinventate dello sbarco sulla luna dell’Apollo 15.
NASA/Andy Saunders; Fonte digitale: Stephen Slater

Quando Glenn è passato sopra Cape Canaveral durante l’inizio della sua seconda orbita, gli osservatori hanno notato un segnale che la sacca di atterraggio della navicella si era allargata, il che significa che lo scudo termico necessario per il rientro non era più a posto.

Sebbene gli ingegneri ritenessero che il segnale fosse un errore, hanno escogitato un piano per mantenere il pacchetto del retrorocket dopo il retrofit, con l’obiettivo di mantenere lo scudo termico in posizione con le cinghie.

A Glenn, a cui non è stato detto esplicitamente la questione, è stato consigliato di assicurarsi che l’interruttore di apertura del sacco di atterraggio fosse in posizione “off”.

Gli è stato dato il via libera per avanzare alla sua terza orbita e i controllori hanno incaricato Glenn di attivare automaticamente l’interruttore del sacco di atterraggio e di mantenere il sacco di poppa in posizione dopo il retrofit se la luce si fosse accesa.

READ  Scoperta chiave alla ricerca dell'origine della vita: gli astronomi scoprono la molecola più grande mai trovata nella "trappola di polvere" cosmica

Glenn ha riferito di non aver sentito rumori di urti durante le manovre di posizione che indicherebbero un sacco di atterraggio dispiegato.

Vicino alla California, il veicolo spaziale ha lanciato i tre reattori per rallentare la sua velocità e gli ingegneri hanno osservato da vicino il ritorno di Friendship 7 nell’atmosfera terrestre.

gira intorno alla luna.
Immagine ridisegnata dallo sbarco sulla luna dell’Apollo 15.
NASA/Andy Saunders; Fonte digitale: Stephen Slater

Come previsto, si è verificato un blackout radiofonico temporaneo per quattro minuti e 20 secondi mentre la navicella spaziale sfrecciava nell’alta atmosfera e Glenn ha descritto il ritorno come una “vera palla di fuoco all’esterno” mentre parti della valigia di poppa bruciavano.

Ha controllato manualmente l’altitudine del veicolo spaziale, esaurendo infine la sua scorta di carburante.

A 28.000 piedi il baldacchino rotolante è spuntato presto, ea 10.800 piedi è seguito il baldacchino principale rosso e bianco di 63 piedi.

Friendship 7 è atterrato vicino all’isola di Grand Turk alle 14:43 EST.

Il volo di Glenn è durato quattro ore, 55 minuti e 23 secondi.

La nave più vicina, il cacciatorpediniere USS Noah, ha completato il recupero dalle acque e il processo di recupero è durato 21 minuti.

John Glenn.
Le immagini mostrano John Glenn in attesa del lancio per più di due ore prima di un volo spaziale e in orbita.
NASA/Andy Saunders; Fonte digitale: Stephen Slater

Glenn ha fatto saltare il portello laterale ei medici lo hanno scortato nella stanza del malato della nave per una visita medica. Fu quindi trasportato in aereo all’isola di Great Turk, arrivando lì dopo circa cinque ore di spruzzi d’acqua.

Successivamente, il presidente John F. Medaglia Kennedy Distinguished Service della NASA.

Dopo un tour il 23 febbraio 1963, la NASA ha ufficialmente passato Friendship 7 allo Smithsonian Institution di Washington, DC.

READ  La NASA si prepara a lanciare la missione Artemis 1 la prossima settimana

Quando aveva 77 anni nel 1998, Glenn ha avuto la possibilità di volare di nuovo con sei astronauti A bordo del volo navetta STS-95 Discovery.

Glenn, Chi è nato in Ohio Il 18 luglio 1921, in seguito divenne senatore degli Stati Uniti e mantenne tale posizione per 25 anni. Ha anche lavorato con studenti universitari presso la Ohio State University.

Glenn è stato un pilota di marine durante la seconda guerra mondiale, ha combattuto nella guerra di Corea ed è diventato un pilota collaudatore per aerei, stabilendo un record di velocità nel 1957 durante un volo da Los Angeles a New York che ha richiesto meno di 3,5 ore.

Morì a Columbus, Ohio8 dicembre 2016, all’età di 95 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *